Basilica di San Giovanni in Laterano e Chiostro

Con audioguida

Situata nei pressi del monte Celio, l’Arcibasilica del SS. Salvatore e dei Santi Giovanni Battista ed Evangelista, più comunemente conosciuta come San Giovanni in Laterano, è la chiesa più antica d’Occidente. Residenza papale fino al XIV secolo è attualmente la cattedrale della diocesi di Roma e la sede ecclesiastica ufficiale del Vescovo di Roma. Fu edificata durante il pontificato di Papa Melchiade su una proprietà della famiglia dei Laterani, donata al Papa da Costantino come segno di gratitudine dell’Imperatore al Cristo, dopo la vittoria su Massenzio nella battaglia di Ponte Milvio, avvenuta il 28 ottobre 312. Successivamente con l’Editto di Milano, che riconobbe al Cristianesimo la libertà di culto, Costantino mise fine alle persecuzioni contro i Cristiani e la Basilica lateranense divenne il simbolo luminoso della Chiesa nascente. Qui mille anni dopo, nel 1300, fu indetto il primo Giubileo della storia, e successivamente, in occasione del Giubileo del 1423, Papa Martino V istituì per la prima volta in questa chiesa l’apertura della Porta Santa, cerimonia estesa in seguito anche alle altre Basiliche. Visitare San Giovanni in Laterano è tornare alle radici della Cristianità. Per un momento di silenzio e di preghiera si può accedere al Chiostro, “un angolo di grazia medioevale” considerato uno dei capolavori più importanti dell’arte duecentesca.

Nelle vicinanze: Scala Santa e Sancta Sanctorum

Situata sul lato orientale della Piazza, la Scala Santa è parte di ciò che è rimasto dell’antico Palazzo del Laterano. Identificata dalla tradizione con la scala del Praetorium di Pilato sulla quale sarebbe salito Gesù per essere interrogato prima della crocifissione, per disposizione di Papa Sisto V fu installata nel 1586 ad accesso della cappella papale, il Sancta Sanctorum, così chiamata per le molte reliquie che vi sono custodite.